e-commerce - graz consulenza informatica per una crescita sostenibile

consulenza informatica per una crescita sostenibile
GRAZ
sede operativa GONZAGA
GRAZ
Vai ai contenuti

e-commerce

CONSULENZA
E-COMMERCE
Per riuscire a far conoscere i propri prodotti attraverso Internet è però fondamentale sapere tutti i segreti e adottare gli accorgimenti necessari per vendere online a partire da come creare un e commerce fino ad arrivare agli aspetti giuridici legati alla normativa ecommerce.
La definizione e-commerce più diffusa si trova su Wikipedia, che definisce il commercio elettronico come l’insieme di transazioni generate dalla compravendita di beni e servizi realizzate su internet e l’insieme delle comunicazioni o gestione di attività commerciali tramite internet.
Rientra nel campo di appartenenza dell’e commerce anche la distribuzione online di contenuti digitali, le operazioni di investimento sulla piattaforme di trading e analoghe iniziative bancarie e altre procedure transattive della pubblica amministrazione. Se sei interessato a scoprire come aprire un attività online clicca qui.
Chi intende imbarcarsi in un mondo estremamente competitivo come quello del commercio elettronico deve necessariamente avere una solida conoscenza delle piattaforme per creare siti ecommerce e dei trucchi per vendere online in maniera efficace, deve sapere quali sono i principali adempimenti da seguire per aprire un negozio e-commerce e creare un sito web che generi fatturato, deve conoscere le principali strategie per avere successo nel commercio elettronico.
L’avvento dell’e-commerce ha cambiato il gioco del retailing, sia dal punto di vista dell’intermediazione che da quello della disintermediazione. L’e-commerce infatti raggruppa bisogni di nicchia, raggiunge utenti anche molto distanti geograficamente e può far crescere il potere d’acquisto. Può inoltre abbattere i costi di canale, creare un contatto diretto con gli utenti grazie alle community online e consentire la gestione di prodotti costruiti su richiesta fino ad arrivare ad una personalizzazione totale del prodotto/servizio. L’arrivo dell’ ecommerce ha inoltre portato i concorrenti a combattere fianco a fianco annullando il tempo e lo spazio. In questo scenario il ruolo del consumatore diventa sempre più importante. Il Cliente ormai si informa sui blog, sui social media e sui siti di comparazione prodotti e prezzi. Per questo è molto più preparato e deve essere messo al centro di ogni progetto e-commerce.  Questa guida e commerce ti spiegherà come.
IMPATTO DEL COMMERCIO ELETTRONICO NEL MONDO DEL LAVORO
L’e-commerce è un fenomeno di mercato crescente, non trascurabile per gli imprenditori che guadagnano su internet attraverso la vendita di prodotti o servizi alla clientela, sia essa rivolta ad un target business che consumer. La necessità valida non solo per i manager, ma in maniera rilevante anche per dipendenti e impiegati, è quella di comprendere l’impatto del commercio online sulle vite d’azienda, così come sul percorso professionale dei liberi professionisti.
Questa precisazione è doverosa alla luce della mutazione del mercato del lavoro e delle abitudini di acquisto delle persone sempre più propense a soddisfare i propri bisogni appoggiandosi all’acquisto sul web. Fenomeno che si sta diramando in maniera capillare, in espansione nei piccoli centri e nelle zone del sud Italia.
Per orientarsi in questo settore è bene chiedersi cosa serva conoscere per l’avvio e la gestione di un sito eCommerce e apprendere quali siano le caratteristiche di coloro che risultano vincenti in questo settore di marketing.
PERCHE’ VENDERE ONLINE?
Quando si parla di business ormai il confine con l’ecommerce online e il commercio “tradizionale” è molto sottile nel senso che la direzione volge ad una completa integrazione dei due mondi. Tuttavia, il peso specifico del commercio elettronico, della vendita dei prodotti su internet, registra una crescita molto promettente nel panorama attuale e nel prossimo futuro rispetto all’evoluzione del business offline. Questo punto di partenza rende chiaro il motivo per cui sia impellente un costante aggiornamento da parte del manager, imprenditore che ha una propria attività, e del singolo lavoratore per restare al passo con i tempi e con le richieste del mercato online e occupazionale.
E’ naturale quindi che i requisiti richiesti dalle aziende comprendano individui con competenze digitali, skill e abilità di gestione dei progetti e-commerce e che in linea generale abbraccino la conoscenza del significato di cos’è un e-commerce e della disciplina web marketing in merito alle vendite online.
Da un punto di vista “personale” imparare a lavorare con siti di transazioni su internet vuol dire saper maneggiare strumenti, software, piattaforme, amministrare aspetti tecnici necessari ad esempio ad adeguare la figura del commesso in negozio e convertirla in store manager online, fino a percorrere la carriera per diventare e-commerce manager.
NEGOZI CHE DIVENTANO SHOWROOM
Per quanto riguarda la convivenza tra store fisici e shop online arriviamo a presentare l’idea esposta da Luca Papa nel suo video: una innovazione nel concetto di retail. L’impatto dei siti internet ecommerce avrà un effetto tangibile per le attività locali che vedranno mutare il loro ruolo all’interno del funnel di vendita.
Il negozio “reale” così come siamo abituati a viverlo non esisterà più per lasciare spazio allo showroom, un luogo dove vedere e provare i prodotti per poi finalizzare l’acquisto sul web. Già oggi è frequente approcciarsi alla ricerca di un bene desiderato in questo modo, sfruttando il vantaggio di “toccare con mano”, testare e misurare gli articoli per poi avvantaggiarsi dei servizi che offre l’ecommerce nel negozio virtuale. Nello specifico l’esempio è identificare un oggetto, provarlo fisicamente e parallelamente attivare la ricerca su smartphone per capire dove conviene comprarlo avvalendosi della migliore tariffa o del servizio online più confortevole.


Torna ai contenuti